Corso di laurea: BENI CULTURALI - Percorso formativo BENI CULTURALI ARCHEOLOGICI

Dettaglio attività formativa

ANTROPOLOGIA APPLICATA AI BENI CULTURALI (AA501)

Programma
Il Corso di Antropologia si articola in due sezioni: (1) parte generale, (2) parte speciale.
Nella parte generale il corso affronta le tematiche relative alla storia evolutiva dell’uomo sottolineando la stretta relazione tra le caratteristiche anatomo-funzionali degli ominidi, le tipologie culturali e le caratteristiche ambientali. Inoltre mostra le principali tecniche di recupero, restauro e conservazione dei resti scheletrici umani e le metodiche di indagine antropologica praticabili sul campo.
Nella parte speciale il corso illustra casi concreti di scavi antropologici.


(1) Parte generale
Principi di evoluzione.
Origine degli ominidi e gli australopitechi.
I primi rappresentanti del genere Homo.
Le specie di transizione: H. ergaster, H. erectus, H. antecessor, H. heidelbergensis, H. neanderthalensis.
L’uomo anatomicamente moderno.
Anatomia topografica dello scheletro umano.
Ossa del neurocranio. Ossa dello splancnocranio. Distretto toracico. Distretto delle estremità superiori. Distretto delle estremità inferiori. I denti.
L’Antropologia sul campo.
Tafonomia.
Recupero, restauro e conservazione dei resti umani scheletrici e mummificati in archeologia.
Schedatura antropologica dei resti umani antichi.
Determinazione dei principali parametri antropologici: sesso scheletrico, età alla morte, statura in vita.
Gli indicatori scheletrici occupazionali.
Studio delle patologie.
Studio dei resti umani cremati.
Paleodemografia.

(2)Parte speciale
La mummia della Val Senales.
La comunità "epipaleolitica" del Fucino.
I fuggiaschi di Ercolano.
Castel di Sangro: un caso di fossa comune.
La necropoli di Opi Val Fondillo: studio dei resti umani da necropoli.
Risultati d'apprendimento previsti (obiettivi formativi)
Obiettivo del corso è quello di fornire le necessarie conoscenze e competenze per intraprendere scavi antropologici sia in contesti archeologici che paleontologici, e per estrapolare ed interpretare le principali informazioni biologiche da resti umani antichi e fossili.
Eventuali propedeuticità (prerequisiti)
Testi di riferimento
Canci Archeologia dei resti mani 2005 Carocci Editore.
Mallegni F & Rubini M Recupero dei materiali scheletrici umani in archeologia 1994 CISU Roma.
Wood Evoluzione umana 2008 Codice Edizioni.
Organizzazione della didattica
Convenzionale, integrato con attività di laboratorio.
Modalità di frequenza Facoltativa
Metodi di valutazione
Esame orale.
Altro (sede, attività di supporto alla didattica, ecc.)