Corso di laurea: ECONOMIA E AMMINISTRAZIONE DELLE IMPRESE - Percorso formativo BASE

Dettaglio attività formativa

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL TURISMO (000129L)

Programma
Gli spazi turistici polivalenti
Gli spazi turistici specializzati
Le tipologie di spazi turistici regionali: fondamenti e definizioni
I problemi legati alla natura e all’uomo
Gli spazi e le politiche turistiche
Il marketing del turismo
Il servizio nel marketing del turismo
L’ambiente di marketing
Sistemi informatici di marketing e ricerche di marketing
Il comportamento d’acquisto
Segmentazione della domanda e posizionamento nel mercato
La progettazione e la gestione del prodotto
Il pricing: considerazioni, approcci e strategie


ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL TURISMO
Docente: Prof. Cavuta Giacomo
Corso di Laurea: Insegnamento a scelta attivati dalla Facoltà (9 CFU)
Dipartimento di afferenza: DEST
Numero di telefono: 085.4537579
E-mail: cavuta@dest.unich.it
Giorni ed orario di ricevimento studenti: lunedì 10.00-11.00 / venerdì 10.00-11.00
Semestre: I
Obiettivi: L’organizzazione (U.S.-Nps, 1993) è “lo strumento migliore per modellare le esperienze e diffondere i valori. Fornendo la consapevolezza territoriale, si mostrano i valori rilevanti per la protezione dell’ambiente” e si incide “non soltanto sui comportamenti immediati dei visitatori ma anche sulle convinzioni e sugli atteggiamenti di lungo termine”. Ma perché l’esperienza dei visitatori possa progettata e orientata con l’interpretazione, occorre che quest’ultima sia inserita precocemente nel processo di pianificazione. Parallelamente e in connessione con l’avanzamento delle ricerche, occorre delineare le strategie alternative di gestione. Il fatto stesso di parlare di alternative richiama le considerazioni già più volte esposte circa l’impossibilità di derivare deterministicamente dagli esiti delle ricerche le scelte di gestione: anche in presenza di indiscutibili valori da proteggere, i modi con cui proteggerli possono essere diversi, un fatto troppo spesso dimenticato nella pianificazione, che sembra talora confondere il riconoscimento dello stato di fatto con il progetto. Il marketing turistico può essere definito come la politica di organizzazione intenzionale dell’offerta (infrastrutture, vantaggi ed incentivi economici, ospitalità e permeabilità sociale, stabilità istituzionale), con l’obiettivo di attrarre investimenti e sostenere lo sviluppo locale.
Ciò che in ogni caso è indispensabile è che la pianificazione consideri esplicitamente l’opzione zero, l’ipotesi cioè che non si dia corso ad alcuna azione. Esso può essere utilizzato come strumento di interazione tra il momento tecnico e quello politico; e, ancor più, come strumento di confronto precoce, prima che i giochi siano fatti, tra l’ente di gestione che propone il piano e gli enti locali da esso interessati. Inoltre lo schema di piano può mettere in evidenza la necessità di particolari approfondimenti di studio e di ricerca, sulla base dei quali rivedere le strategie proposte e orientare l’elaborazione definitiva del progetto di piano, fino alla sua approvazione.
Programma del corso
Gli spazi turistici polivalenti
Gli spazi turistici specializzati
Le tipologie di spazi turistici regionali: fondamenti e definizioni
I problemi legati alla natura e all’uomo
Gli spazi e le politiche turistiche
Il marketing del turismo
Il servizio nel marketing del turismo
L’ambiente di marketing
Sistemi informatici di marketing e ricerche di marketing
Il comportamento d’acquisto
Segmentazione della domanda e posizionamento nel mercato
La progettazione e la gestione del prodotto
Il pricing: considerazioni, approcci e strategie
Libri di testo consigliati:
Geografia del Turismo, LOZATO-GIOTART J. P., Edizione italiana a cura di F. Dallari, Hoepli, 2008
Marketing del turismo – KOTLER P., BOWEN J. R., MAKENS J. C., edizione italiana a cura di Bertozzi P., McGraw-Hill, 2007
Modalità di svolgimento della prova d’esame: Colloquio finale.
Risultati d'apprendimento previsti (obiettivi formativi)
L’organizzazione (U.S.-Nps, 1993) è “lo strumento migliore per modellare le esperienze e diffondere i valori. Fornendo la consapevolezza territoriale, si mostrano i valori rilevanti per la protezione dell’ambiente” e si incide “non soltanto sui comportamenti immediati dei visitatori ma anche sulle convinzioni e sugli atteggiamenti di lungo termine”. Ma perché l’esperienza dei visitatori possa progettata e orientata con l’interpretazione, occorre che quest’ultima sia inserita precocemente nel processo di pianificazione. Parallelamente e in connessione con l’avanzamento delle ricerche, occorre delineare le strategie alternative di gestione. Il fatto stesso di parlare di alternative richiama le considerazioni già più volte esposte circa l’impossibilità di derivare deterministicamente dagli esiti delle ricerche le scelte di gestione: anche in presenza di indiscutibili valori da proteggere, i modi con cui proteggerli possono essere diversi, un fatto troppo spesso dimenticato nella pianificazione, che sembra talora confondere il riconoscimento dello stato di fatto con il progetto. Il marketing turistico può essere definito come la politica di organizzazione intenzionale dell’offerta (infrastrutture, vantaggi ed incentivi economici, ospitalità e permeabilità sociale, stabilità istituzionale), con l’obiettivo di attrarre investimenti e sostenere lo sviluppo locale.
Ciò che in ogni caso è indispensabile è che la pianificazione consideri esplicitamente l’opzione zero, l’ipotesi cioè che non si dia corso ad alcuna azione. Esso può essere utilizzato come strumento di interazione tra il momento tecnico e quello politico; e, ancor più, come strumento di confronto precoce, prima che i giochi siano fatti, tra l’ente di gestione che propone il piano e gli enti locali da esso interessati. Inoltre lo schema di piano può mettere in evidenza la necessità di particolari approfondimenti di studio e di ricerca, sulla base dei quali rivedere le strategie proposte e orientare l’elaborazione definitiva del progetto di piano, fino alla sua approvazione.
Eventuali propedeuticità (prerequisiti)
Nessuno
Testi di riferimento
Geografia del Turismo, LOZATO-GIOTART J. P., Edizione italiana a cura di F. Dallari, Hoepli, 2008
Marketing del turismo – KOTLER P., BOWEN J. R., MAKENS J. C., edizione italiana a cura di Bertozzi P., McGraw-Hill, 2007
Modalità di erogazione Convenzionale
Organizzazione della didattica
Lezioni
Modalità di frequenza Facoltativa
Metodi di valutazione
Colloquio finale.
Altro (sede, attività di supporto alla didattica, ecc.)
Nessuna