FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA - Corso di laurea: BENI CULTURALI

Ordinamento Laurea triennale (DM270)
Classe L-1 Classe delle lauree in Beni culturali
Accesso Non sono previsti test di ingresso
Durata 3 anni
Frequenza Non obbligatoria, ma vivamente consigliata, in particolare per le attività laboratoriali.
Curricula Il Corso di laurea in Beni culturali offre tre curricula: Archeologico, Storico e Storico-Artistico. Il corso di studio, infatti, nei suoi tre indirizzi mira alla formazione di operatori dei beni culturali in possesso di conoscenze basilari nei settori storico, archeologico e storico artistico, affiancando alla competenza teorica una specifica capacità di intervento nella conservazione e valorizzazione del bene culturale.
Piano didattico/Elenco insegnamenti
Modalità erogazione didattica Convenzionale
Organizzazione didattica Semestre
Titolo rilasciato Laurea in Beni Culturali
Utenza sostenibile 230
Max numero crediti riconoscibili 40
Sede Campus Universitario via Dei Vestini - Chieti Scalo
Presidente corso di laurea Fabio Benzi
Date utili Consultare il Bando Generale D'Ateneo alla pagina:
http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pageLabel=Bandi_didatticaFirstPage_v2
Costi Come da Bando Generale d'Ateneo
Sito del corso http://www.unich.it/unichieti/appmanager/federati/lettere?_nfpb=true&_pageLabel=Corsidilaurea_lettereFirstPage_v2
Il corso di laurea si propone di formare personale qualificato, che operi nell'ambito di studio, ricerca, tutela e valorizzazione dei Beni culturali, sia relativamente ai beni archeologici, storici, storico-artistici, con una copertura cronologica, nei tre percorsi previsti, dalla preistoria all'età contemporanea. I soggetti del percorso formativo dovranno acquisire, nell'ambito del triennio competenze specifiche di carattere storico-metodologico e tecnico-operativo, con particolare attenzione alla restituzione dei contesti in cui collocare il bene culturale. Intento del corso di laurea è di fornire gli strumenti conoscitivi ed interpretativi di base nell'ambito dei Beni Culturali archeologici, storici e storico-artistici. Saranno affrontate tematiche portanti e basilari, adeguandosi anche a quelle che sono le metodologie d'avanguardia del settore. Il corso intende in tal modo fornire gli strumenti tecnici e scientifici propri dei settori previsti dai tre percorsi finalizzati alla raccolta dei dati, alla loro interpretazione, contestualizzazione e comunicazione. Tra le finalità del corso di laurea, inoltre, vi è anche quello di mettere gli studenti in grado di collaborare e operare nell'ambito delle Istituzioni che si occupano di Beni Culturali (Soprintendenze, Assessorati, Musei, Fondazioni, Gallerie, Archivi, Biblioteche, Centri di ricerca, ecc.), con un livello di preparazione tecnica di base, che possa prevedere sia compiti di catalogazione che di assistenza didattica, che mansioni amministrative di competenza specifica.
Possono essere iscritti ai percorsi storico e storico-artistico i diplomati delle scuole secondarie italiane e straniere (previa verifica di equipollenza del titolo di studio), con nozioni di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano. Gli studenti che evidenzieranno lacune, dovranno colmare i corrispondenti debiti formativi, seguendo appositi corsi a credito zero organizzati all'interno del Corso di Studio. Possono essere iscritti al percorso archeologico i diplomati delle scuole secondarie italiane e straniere (previa verifica di equipollenza del titolo di studio), che posseggano una buona conoscenza della storia e della cultura del mondo antico, nozioni di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano; è richiesta inoltre la disponibilità a svolgere esercitazioni e attività formative sul campo. Gli studenti che non rispondono ai requisiti sopra indicati concorderanno le modalità di accesso con i garanti del corso. Gli studenti che evidenzieranno lacune, in particolare riguardo alla conoscenza della lingua greca o latina, dovranno colmare i corrispondenti debiti formativi, seguendo appositi corsi a credito zero organizzati all'interno del Corso di Studio.
I laureati nei tre percorsi
- potranno collaborare o lavorare con gli organi preposti alla tutela, gestione e valorizzazione dei Beni Culturali, tra cui Soprintendenze Archeologiche e Soprintendenze ai Beni Architettonici Artistici Ambientali e Storici, Soprintendenze Archivistiche, Enti pubblici e privati di ricerca o tutela nell'ambito dei Beni Culturali, sia locali, che nazionali ed internazionali;
- potranno operare, lavorare o collaborare con Biblioteche e archivi, sia nazionali che locali;
- lavorare o collaborare con società, cooperative, società di servizio e fondazioni che operano nell'ambito dei beni culturali, sia nella gestione di cantieristica del settore, che nella gestione di strutture museali, che nell'organizzazione di corsi di formazione, didattica presso scuole, visite guidate;
- potranno svolgere, in collaborazione con le Soprintendenze archeologiche, Soprintendenze per i beni Beni architettonici, ambientali, artistici e storici, Soprintendenze Archivistiche, cattedre universitarie, indagini mirate o legate ad interventi di emergenza, in occasione di lavori di pubblica utilità;
- saranno in grado di collaborare fattivamente con le medesime istituzioni alla realizzazione di carte archeologiche, di schedature territoriali, di mostre, di percorsi culturali, di schedatura e catalogazione di archivi e biblioteche.
Potranno operare anche nell'ambito della comunicazione (editoria multimediale, giornalismo, pubblicità e promozione culturale per la conoscenza del territorio).
Potranno operare nelle metodiche di acquisizione e conservazione delle nuove fonti della storia contemporanea (testimonianze visive e foniche, rappresentazioni grafiche ed informatiche, sia presso enti preposti alla mediazione interculturale, sia presso enti di ricerca di settore.
La prova finale si articola in due momenti. Il primo consiste nella discussione orale di un elaborato scritto, redatto dal candidato, dal quale dovranno emergere le capacità acquisite da parte del candidato stesso di analizzare ed illustrare problematiche inerenti il corso di studio seguito, tenendo conto dei più aggiornati strumenti della ricerca. L’elaborato scritto dovrà riguardare uno degli ambiti disciplinari caratterizzanti il curriculum seguito:
per il percorso storico gli ambiti disciplinari sono: M-STO/01-09; L-ANT/02-03; L-OR/10; L-FIL-LET/07;
per il percorso archeologico gli ambiti disciplinari sono: L-ANT/01, 04, 06-10;
per il percorso storico-artistico gli ambiti disciplinari sono: L-ART/01-07.
Nel caso motivato in cui lo studente fosse interessato ad altro ambito disciplinare dovrà presentare formale richiesta al Consiglio del Corso di Laurea che si riserverà di approvarla.
La seconda parte della prova finale prevede una verifica della conoscenza di una lingua straniera in forma orale.
I tirocini consistono in attività da svolgere presso enti e istituzioni di tutela, conservazione e promozione dei Beni Culturali, convenzionati con l’Ateneo, il cui elenco è disponibile on-line. I crediti per tirocini potranno essere conseguiti anche con la partecipazione a laboratori, seminari, convegni, giornate di studio organizzati dalla Facoltà o dai docenti del corso di laurea. Agli studenti del curriculum di Archeologia sono richiesti almeno 6 CFU per attività di scavo organizzate dai docenti del corso. Qualsiasi altro tipo di attività deve essere preventivamente autorizzata dal Consiglio di corso di Laurea.


Parere parti sociali -
Nominativi docenti di riferimento Benzi Fabio (L-ART/03), Firpo Giulio (L-ANT/03), Somma Maria Carla (L-ANT/08)
Nominativi tutor Carlettini Iole, Del Fuoco Maria Grazia, Menozzi Oliva
Altre attività formative -seminario-laboratorio di ceramica in archeologia (2 CFU);
-laboratorio di fotografia in archeologia (2 CFU);
-seminario di geoarcheologia (3 CFU);
-laboratorio di ceramica medievale (2 CFU);
-seminario-laboratorio di numismatica (3 CFU);
-laboratorio di museologia in archeologia e didattica del museo e del territorio (3 CFU)
Organizzazione Presidente: Prof. Fabio Benzi

Consiglio: prof.ssa Maria Giulia Aurigemma, prof. Fabio Benzi, prof.ssa Lucia Bertolini, prof. Umberto Bultrighini, dott. Francesco Caccamo, dott.ssa Iole Carlettini, dott.ssa Maria Grazia Del Fuoco, dott.ssa Elisabetta Dimauro, prof. Giulio Firpo, dott.ssa Marina Garofoli, dott. Gabriele Iaculli, dott. Vasco La Salvia, dott. Francesco Leone, prof. Giulio Abelardo Lucchetta, dott.ssa Oliva Menozzi, dott.ssa Ilaria Miarelli Mariani, prof. Michael Segre, dott. Francesco Mottola, prof. Roberto Paciocco, prof.ssa Raffaella Papi, dott.ssa Paola Pizzo, dott. Pierfrancesco Porena, prof.ssa Sara Santoro, prof.ssa Maria Carla Somma, dott. Carlo Tedeschi, prof. Alessandro Tomei, dott.ssa Rossana Torlontano, prof. Stefano Trinchese.

Docenti di riferimento: prof. Fabio Benzi, prof. Giulio Firpo, prof.ssa Maria Carla Somma
Servizi I servizi agli studenti sono erogati dall'Azienda per il Diritto allo Studio Universitario (www.adsuch.it)
Nominativi studenti Sara Gobeo, Roberta De Quarto
Sintesi questionario laureandi Consultare direttamente i report dettagliati dell'indagine di ALMALAUREA sul Profilo dei Laureati e sulla Condizione Occupazionale al link
http://statistiche.almalaurea.it/universita/statistiche/trasparenza?CODICIONE=0690104008700001
Sintesi questionario studenti La sintesi dei risultati per l'anno 2009/2010 prodotta dal Comitato d'Ateneo per la Qualità della Didattica è consultabile al link
http://s3grt.unich.it/index.php?vista=anno
Percentuale laureati Consultare direttamente i report dettagliati dell'indagine di ALMALAUREA sul Profilo dei Laureati e sulla Condizione Occupazionale al link
http://statistiche.almalaurea.it/universita/statistiche/trasparenza?CODICIONE=0690104008700001